image46

Recoaro e Le Piccole Dolomiti

Rinomata località termale già nel corso del 1800 Recoaro Terme è nota al pubblico sia per la bellezza dei panorami e della natura che si rivela all’approssimarsi della stagione estiva.

La sua posizione geografica, ai piedi del massiccio montuoso delle Piccole Dolomiti ed affacciato sulla piana dell’Agno, è l’ideale per trascorrere vacanze estive in montagna. Qui natura e storia si fondono nello spettacolare panorama dei boschi e delle vallate, di laghetti alpini e foreste secolari, che si possono ammirare in facili e comode passeggiate a piedi, percorrendo in mountain bike le strade carrozzabili e le mulattiere oppure, ancora, arrampicati tra le ripide pareti di roccia del complesso dolomitico.
Le Piccole Dolomiti, così chiamate per l’altitudine più contenuta delle sorelle maggiori, offrono scorci panoramici di grande bellezza inframmezzate delle moltissime sorgenti naturali che sgorgano tra monti e vallate ed i laghetti alpini.

Proprio la natura piovosa del clima e la ricchezza d’acqua costituiscono uno dei motivi di maggior attrazione di Recoaro, che presenta numerose fonti di acqua curativa e terapeutica che hanno contribuito allo sviluppo della località come elegante e rinomato appuntamento termale sin dal diciannovesimo secolo, ancora oggi testimoniato dalle tante palazzine in stile liberty ed art decò che si possono ammirare incastonate nel verdeggiante sipario della Conca di Smeraldo.

Da visitare uno spazio espositivo di grande suggestione ed interesse, il Museo della vita del soldato nella Grande Guerra, che raccoglie reperti, documenti e testimonianze ritrovate nei ghiacci alpini risalenti al terribile conflitto che interessò questi territori agli inizi del ventesimo secolo. A detta di molti il patrimonio custodito in questo museo rappresenta la testimonianza più completa ed esauriente sulla vita dei soldati che qui trascorsero gli anni terribili della guerra, dai vestiti alle fotografie, dai ricordi agli oggetti d’uso quotidiano, nei momenti di pace come durante le operazioni militari.


image47

Giro del Socco

DISTANZA/TEMPO

25km/3h circa

DISLIVELLO

1000mt.

DIFFICOLTA'

3/5

Giro delle Contrade di Recoaro

DISTANZA/TEMPO

20km/3h circa

DISLIVELLO

780mt.

DIFFICOLTA'

4/5

Rifugio "A. PAPA"

DISTANZA/TEMPO

53km/5h circa

DISLIVELLO

1950mt.

DIFFICOLTA'

4/5

Monte Spitz

DISTANZA/TEMPO

31km/2.15h circa

DISLIVELLO

1200mt

DIFFICOLTA'

3/5

Le Colline del Prosecco

Il sito “Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, si trova in Veneto, in una piccola area collinare della provincia di Treviso, dove l’interazione positiva tra uomo e ambiente ha creato un paesaggio culturale unico.

image48

Colline del Prosecco

DISTANZA/TEMPO

35km/2.45h circa

DISLIVELLO

850mt.

DIFFICOLTA'

3/5

Foresta del CAnsiglio

Il Cansiglio, altopiano delle Prealpi Carniche posto a cavallo delle provincie di Belluno, Treviso e Pordenone, sovrasta con le pendici esterne a sud e a est la pianura veneto-friulana, mentre a nord è delimitato dalla regione dell’Alpago e a nord est dal gruppo montuoso del Cavallo; infine, ad ovest, la Val Lapisina lo separa dal Col Visentin.

Dalla caratteristica forma a catino, è costituito nella sua parte centrale da tre depressioni: Pian Cansiglio, Valmenera e Cornesega, dove si raggiunge la quota più bassa (898 m).
I rilievi circostanti hanno un’altezza attorno ai 1300 m, tranne ad ovest e a sud ovest, in corrispondenza del M. Millifret (1577 m) e del M. Pizzoc (1565 m); ad est con il M. Croseraz si raggiungono i 1694 m.
I principali solchi vallivi, dai quali si accede alla conca, sono quelli di Campon (1050 m) a nord e quello della Crosetta (1118 m) a sud.

Il clima è temperato freddo con estati fresche. L’aria fredda che scende dai versanti interni ristagna nella conca dando origine al caratteristico fenomeno dell’inversione termica: la temperatura diminuisce procedendo dai rilievi circostanti alle zone centrali più basse. Gli estremi termici sono compresi, pur se in condizioni eccezionali, tra i +30° e i -30° C.

Sebbene le precipitazioni medie annue siano di circa 1800 mm, i corsi d’acqua a regime permanente inesistenti per la natura carsica del territorio. L’umidità atmosferica assume quasi tutto l’anno valori elevati e spesso la conca è colmata da una fitta nebbia la cui formazione è dovuta alla forte escursione termica giornaliera.


image49

Foresta del Cansiglio

DISTANZA/TEMPO

42km/3.15h circa

DISLIVELLO

1000mt.

DIFFICOLTA'

2/5

Col Visentin

Il Col Visentin (1.763 m s.l.m.) è una montagna delle Prealpi Bellunesi che si trova in Veneto tra la provincia di Belluno e la provincia di Treviso. Il versante settentrionale, dai pendii dolci e panoramico, appartiene alla provincia di Belluno, mentre quello meridionale, più scosceso, alla provincia di Treviso.

Con i suoi 1.763 metri di altitudine domina la Val Lapisina. Dalla sommità del monte l'orizzonte spazia a 360 gradi, dal monte Pizzocc al golfo di Trieste ed alla laguna di Venezia, dai Colli Euganei all'altopiano del Cansiglio. La vista si estende pure su buona parte delle Dolomiti, delle quali è possibile scorgere le cime più elevate. La cima del Col Visentin si trova in posizione dominante sulla pianura trevigiana e sulla Val Belluna.

image50

Rifugio "COL VISENTIN

DISTANZA/TEMPO

18km/2h circa

DISLIVELLO

900mt.

DIFFICOLTA'

3/5